L'amor che muove il sole e l'altre stelle.

tumblrbot ha detto:: ROBOT O DINOSAURI?

Dinosauri

Lug 22

Siamo carne flaccida, bianchiccia e per niente resistente. Ci apriamo con poco: una rosa, un vetro di un bicchiere rotto, un sasso appuntito oppure una convinzione.

E io mi faccio male dentro, ingrasso di ideali, convinzioni, canzoni tristi e stelle lontane.

Mangio con la pancia piena di chili di cioccolata, carboidrati e sensi di colpa. Siamo la generazione dei cibi industriali ma anche dei modelli snodabili e delle fecondazioni precoci, dei figli take away, per cui basta ordinare la fiala e attendere il corriere, siamo la generazione delle prese jack e degli specchi crudeli. E mi preoccupa dover controllare le calorie al supermercato, pesare il pane e pesare le parole, quelle troppo spesso però.

Io per vivere uso la bilancia, il cui ago mi mostra l’umore, il peso e i grammi di pane che voglio posso mangiare ogni giorno. 

E io so che comunque non sarò mai magra, ma solo una dimagrita.

Lug 19
E’ la potenza del singolo a fregare tutti, la voluptas.

Ti amo anche oggi.

Nov 28
Vittoria

Ti amo nuda qui stasera. Ti amerò anche domani tra le mie lenzuola vestita con la luna. Ti amo ogni mattino mentre fuggiamo dal sole per illuderci che sia ancora sera, e ti amerò tutta la vita se lo vorrai.

La verità è che non so dirti tutto quello che sento mentre sei con me, mentre ti giri e mi sorridi come solo tu sai fare. Mi muoiono in gola tutte le parole che vorrei saperti dire lo sai ? Eppure quando ti vedo un mare di voci, di lingue e di fiori mi balzano in testa e sono tutti li per te, per te che mi fai piangere, ed io mi mordo le labbra in silenzio pregando di riuscire a dirti qualcosa.. e invece mi odio quando tutte quelle belle parole ritornano nel petto. La verità è che mi assorbi totalmente e vivo solo delle tue mani, dei nostri risvegli e del tuo respiro caldo.. non ti dico che passeremo una vita insieme ti posso solo dire che se succedesse ecco io, sarei la ragazza più felice del mondo. 

Voleranno le stagioni e passeremo gli anni a rincorrerci, ma tanto lo so che  saprai sempre come ritrovarmi.

Sei l’amore che muove il sole e l’altre stelle.

Giu 28
Mi sono accorta di amarlo quando ho sentito il mio cuore battere come un pesciolino rosso caduto fuori dalla boccia, entrambi ansimavano forte senza ossigeno.

Credo nell’amore eterno, imperturbabile, che se ne frega delle stagioni che passano.
Credo negli addii che sanno di ritorno e credo in te, che saprai tenermi in equilibrio sul pendolo di questi anni veloci, carichi di inebrianti illusioni, che si lasciano alle spalle folli scie di sorrisi spensierati.

Giu 21
L’estate degli amori nuovi, quelli colorati, quelli che se li ascolti bene li senti respirare.

Aveva gli occhi tristi, di chi si sta allontanando da un posto in cui non potrà più tornare.
Aveva gli occhi verdi, ma da lontano ci scorgevi ancora il mare. Se ti avvicinavi un pò e guardavi bene vedevi anche le grandi onde in tempesta e una nave che si stava dirigendo chi sa dove, forse al di là del mondo.
E avevo quella voglia pazza di partire, alzare le vele e andare a raccattare quel relitto galleggiante e ferito.

Io per te salperei all’istante, tirerei su l’ancora e mi butterei tra gli scogli con la speranza di venirti a salvare.
La speranza non muore mai.
Ed io sono qui che ti cerco all’orizzonte, ma se non mi dai le tue coordinate io non posso che sperare.

Gen 16
Ti ascolterei a giornate, se solo tu me lo permettessi.
USE YOUR IMMAGINATION !
Dic 30

USE YOUR IMMAGINATION !

Eri stampato sul sorriso di un altro. E per poco non ti confondevo con la Felicitá..ma quando poi ti sei voltato a guardarmi t’ho riconosciuto subito…dopo tanto sei finalmente tornato da me, come una primavera invernale.

Ott 23
Oggi t’ho visto Amore:

Curarlo era come sciogliere un cubo di ghiaccio con solo il calore delle le proprie mani.
Dopo un pò che lo tocchi finisci per farti male pure te.

Ott 21
La cura.

Era tutto più facile con te, ah tornassi indietro..!
No.
Sbagliato.

Tornassi indietro io quegli errori li rifarei tutti, io ti farei ancora male senza pietà e poi me ne starei qui un anno dopo a tirare, da sola e triste nel letto, le somme di una storia finita come un lampo.
Come un ramo troncato che in un attimo cade a terra, e lì secca, senza mai ritornare dov’era.
Tu eri il mio ramo e io ero quel fiore che se ne stava tranquillo e sicuro a farsi ammirare tra le tue foglie.
E ora per colpa mia mi ritrovo sballottata su una canoa, in un tortuoso fiume di relazioni diverse che passano veloci sotto la mia piccola imbarcazione, buttandomi a sbattere di quando in quando contro quche roccia.
E tu, beh tu… per poco non mi facevi affogare!
Non ti dico che staremo insieme a vita, ti dico che peró mi piacerebbe… per ora comunque mi ritengo fortunata se sopravviverò alla notte.

Ott 17
Amo sbagliare, amo farmi del male, ogni pezzo di pelle ti vorrei toccare.